Policy focus – 31 maggio 2024

POLICY FOCUS – ITALIA 
▪️Dopo il passaggio tecnico in commissione Energia e ambiente della Conferenza delle Regioni e dopo le modifiche concordate tra i rappresentanti degli enti locali lo schema di decreto sui criteri per le aree idonee deve ora approdare sul tavolo della Conferenza dei presidenti delle Regioni.

▪️Il decreto FerX coi nuovi incentivi per l’eolico e il fotovoltaico “è stato trasmesso nel mese di aprile all’Arera ai fini dell’acquisizione del parere, atteso per l’inizio di giugno. Successivamente si provvederà ad acquisire anche il necessario parere della Conferenza unificata, a valle del quale sarà possibile procedere con la notifica formale del provvedimento in Commissione europea per la verifica dei profili di compatibilità con la disciplina in materia di aiuti di Stato. Si stima che le prime aste potranno essere bandite entro la fine dell’anno”. Lo ha detto ieri il sottosegretario all’Ambiente, Claudio Barbaro, rispondendo all’interrogazione 5-02435 Peluffo (PD) in commissione Attività produttive della Camera.

▪️Il consiglio di amministrazione di Cassa depositi e prestiti (Cdp), presieduto da Giovanni Gorno Tempini, su proposta dell’amministratore delegato e direttore generale, Dario Scannapieco, ha approvato nuove operazioni per un valore complessivo di circa un miliardo di euro a favore della transizione verde, dello sviluppo di infrastrutture strategiche e a sostegno di iniziative che promuovano le esportazioni e le collaborazioni tra imprese a livello internazionale.

▪️C’è anche il metano tra le opzioni per usufruire degli incentivi all’acquisto di auto messi a disposizione con il Dpcm pubblicato la scorsa settimana. Lo sottolinea Federmetano in una nota: “venti milioni di euro per sono stati messi a disposizione per acquistare un’auto usata a metano (almeno Euro 6), con un prezzo risultante dalle quotazioni medie di mercato non superiore a 25mila euro ed emissioni comprese tra 0 e 160 g/km CO2, a fronte della rottamazione di un veicolo della stessa categoria omologato in una classe fino a Euro 4”. Il veicolo, specifica l’associazione, deve essere intestato da almeno 12 mesi all’acquirente o familiare convivente. Il contributo messo a disposizione per ogni macchina è di 2mila euro, per un totale di 10mila auto usate finanziate. Le nuove risorse, scrive Federmetano, offrono la possibilità per molti possessori di auto, anche datate, di sostituirle con vetture a metano ecologiche permettendo un risparmio sul carburante e minori costi di manutenzione rispetto alle vetture a Gpl. “Con poco più 100.000 km percorsi a biometano si può coprire completamente il prezzo di acquisto di una auto di piccola cilindrata usata Euro 6, sfruttando l’incentivo. Per Federmetano questa è un’occasione assolutamente da sfruttare”, conclude la nota
POLICY FOCUS – EUROPA E MONDO
▪️Nel primo trimestre del 2024 l’Italia ha importato circa 14,5 milioni di tonnellate di greggio, in calo del 3,3% rispetto allo stesso periodo del 2023. A spiccare, sottolinea Unem in una nota, è il ruolo assunto dall’Africa che in questo primo trimestre è arrivata a contare per il 38% del totale importato (era il 30% nel primo trimestre 2023), guidata dalla Libia che dopo 10 anni torna ad essere il principale fornitore dell’Italia. Sale così a 10 il numero di Paesi africani da cui l’Italia ha importato greggio per un totale di 5,4 milioni di tonnellate, circa 800mila tonnellate in più rispetto allo stesso periodo del 2023 (+17%).

▪️Stamattina il Consiglio dell’Unione europea ha approvato tre documenti all’ordine del giorno. I ministri dell’Energia dei 27 hanno dato il via libera definitivo al ritiro dell’Unione europea e dell’Euratom dal trattato sulla carta dell’energia che metteva a rischio gli obiettivi di transizione energetica. Il Consiglio ha adottato definitivamente la direttiva sul diritto alla riparazione, già approvata dal Parlamento. Infine, stamattina i ministri dell’Energia europei hanno approvato le conclusioni sulle reti elettriche sostenibili, che indirizzeranno l’attività legislativa della Commissione europea sul tema.

▪️Greggi in diminuzione ieri sui circuiti elettronici internazionali, perché messi sotto pressione dai timori degli investitori sulla debole domanda di benzina negli Stati Uniti e sulla prospettiva che la Federal Reserve possa mantenere i tassi di interesse più alti per un periodo più lungo per contrastare l’inflazione. Il che potrebbe tradursi in un rallentamento della crescita economica con ripercussioni negative sulla domanda di petrolio. Si attende la pubblicazione dei dati delle scorte Usa che forniranno indicazioni agli investitori. I
POLICY FOCUS – MERCATI
▪️Continuano ad allargarsi le minusvalenze nei bilanci di Gse e Snam creato dagli acquisti di gas d’emergenza effettuati nell’estate 2022 per riempire gli stoccaggi in vista dell’inverno durante la crisi energetica. 

▪️Un memorandum per studiare la realizzazione di un grande progetto di produzione di idrogeno da esportare verso l’Europa centrale tramite gasdotti con il “SoutH2 Corridor”. Lo hanno firmato martedì TE H2, una joint-venture tra TotalEnergies ed Eren Groupe, insieme all’utility austriaca Verbund, con la Repubblica di Tunisia. Il progetto si chiama “H2 Notos”.

▪️Boom delle batterie, difficoltà per l’idrogeno verde, finestra quasi chiusa per il raggiungimento delle emissioni zero nette al 2050 e per il rispetto dell’obiettivo di contenere l’aumento della temperatura globale entro gli 1,75 gradi. Sono i principali spunti del New Energy Outlook 2024 pubblicato la scorsa settimana da Bloomberg New Energy Finance (Bnef).