Rilevazione periodica SIA – Stacco Italia Accise – n.05 – 5.5.2014

Assopetroli Assoenergia, con la collaborazione di Figisc Anisa Confcommercio, prosegue il monitoraggio “SIA – Stacco Italia Accise” (Accise e Iva) e rende noti i dati della rilevazione prezzi del differenziale sul costo dei carburanti al consumo tra Italia e resto d’Europa (Europa a 28) e ne promuove la più ampia diffusione al fine di generare, nelle Istituzioni pubbliche e nei consumatori, una maggiore consapevolezza “dell’anomalia italiana” rappresentata da un carico fiscale eccessivo sui carburanti (benzina verde) che, al netto delle addizionali regionali, è giunto nel mese di aprile appena concluso al 60,84% del prezzo al consumo.

Il dato che colpisce è che del solo differenziale oltre il 96% per la benzina e addirittura oltre il 97% per il gasolio sono tasse.

Ad aprile il consumatore italiano ha pagato in media la benzina 25,9 € cent/litro e il gasolio 25,1 € cent/litro, in più che nel resto d’Europa!

Sulla base dei dati forniti dalla Commissione Europea e dal MISE, nel mese appena concluso, la media aritmetica del prezzo al consumo praticato nei 28 Paesi UE pone in risalto che:

Benzina, il prezzo italiano è più alto di 25,9 €cent/litro, di cui ben 24,9 €cent/litro sono dovuti alle maggiori imposte (Accise e IVA) e solo 1 €cent/litro ad un maggiore prezzo industriale;

Gasolio, il prezzo italiano è più alto di 25,1 €cent/litro, di cui ben 24,4 €cent/litro sono dovuti alle maggiori imposte (Accise e IVA) e solo 0,07 €cent/litro ad un maggiore prezzo industriale.

Scarica il documento integrale SIA – n. 05 – 5.5.2014

 

05/05/2014

ARTICOLI CORRELATI