SQ – Colonnine elettriche, il Tar boccia l’obbligo del Comune di Milano

21/12/2021 – Staffetta Quotidiana

Accolto il ricorso di retisti e Assopetroli

Assenza di gradualità e mancanza di un adeguato supporto istruttorio e motivazionale. Per questo il Tar Milano ha accolto il ricorso di alcuni retisti, di Assopetroli e del Consorzio Grandi Reti contro il relegamento sulla qualità dell’aria del comune di Milano che un anno fa ha introdotto l’obbligo per i punti vendita carburanti di installare – con diverse scadenze – colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. Il regolamento, secondo i giudici amministrativi, V a dunque annullato.

Secondo il Tar “il regolamento è, evidentemente, privo della necessaria copertura normativa (art. 23 Cost., per cui: “Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge”) e merita pertanto di essere annullato”.

La norma “finisce per far ricadere sulla sola categoria dei gestori degli impianti di distribuzione di carburanti ed a prescindere dalla capacità economica del singolo, gran parte degli oneri (non solo economici, ma anche amministrativi e progettuali), della sostanziale transizione all’elettrico, sul piano infrastrutturale, del Comune di Milano. Ed il tutto, in assenza di una reale proiezione, sul piano tecnico/istruttorio, delle effettive esigenze dell’utenza che – ed è circostanza non contestata dal Comune – non è ancora univocamente rivolta verso il mercato dei veicoli elettrici”.

Sentenza TAR

22/12/2021

ARTICOLI CORRELATI