STAFFETTA QUOTIDIANA – Frodi, inchiesta di Repubblica a sostegno dell’allarme lanciato da Draghi in Senato

Prendendo spunto da una ricerca in esclusiva del Cerved, ma non solo

Supermarket Covid, le mani dei clan sulle aziende in crisi”. È il titolo del servizio-inchiesta pubblicato oggi su Repubblica alle pag. 8 e 9, autore Floriana Bulfon. Che prende spunto da una ricerca svolta in esclusiva per il quotidiano dal Cerved, l’agenzia di informazioni commerciali diretta da Andrea Mignanelli con sede a San Donato Milanese e specializzata nell’analisi di rischio delle imprese, per fare il punto sulla piaga dell’illegalità che dilaga in tutta l’economia del Paese. Una ricerca, quella del Cerved, che fotografa un trend in crescita di imprese messe al tappeto dal lockdown, a rischio quindi di usura e riciclaggio, che in pochi mesi, hanno cambiato padrone. Vittime di una crisi di liquidità che le rende preda di chi invece ha molto cash da ripulire. Acquistate da chi è in grado di investire e di allargare il suo patrimonio, con tanti soldi a disposizione. Una ricerca da cui emerge che, dopo il settore degli autonoleggi, il più colpito è quello della distribuzione dei carburanti e combustibili extra-rete con un’incidenza del 2,8% sul totale delle imprese indagate dal Cerved: 52 su 1.825.

Una piaga, ricorda il servizio, a cui ha accennato anche il presidente Draghi nel suo intervento al Senato quando ha detto che “c’è un rischio specifico: le possibili infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia a seguito della crisi di liquidità”. Mettendo l’accento sulla necessità di “rendere più incisive le verifiche sui cambi societari specie per gli esercizi commerciali e il settore turistico alberghiero”. E su cui Repubblica cita anche le allerte che continuano ad arrivare da parte della Banca d’Italia, della Guardia di Finanza e della Procura Antimafia di Milano guidata da Alessandra Dolci. E una ricerca anonima svolta da Confcommercio. Con le mafie che spesso restano dietro le quinte grazie ai prestanome e dove legale e illegale si sovrappongono: diagnosi su cui concordano sia Rocco Sciarrone, professore di Sociologia all’Università di Torino, e Vittorio Rizzi, vice capo della polizia e coordinatore dell’Organismo permanente di monitoraggio sul rischio di infiltrazione nell’economia, citato da Draghi come “lo strumento per fronteggiare la scalata al commercio”.

26/02/2021

ARTICOLI CORRELATI