Tassare i carburanti per coprire i costi è improduttivo e frena la ripartenza del Paese. Il PD ci ripensi.

Roma 8/5/14: Per garantire 13 milioni nel 2014 per l’Expo 2015, il Partito Democratico ha votato a favore di un emendamento a prima firma del Senatore Gianluca Rossi (Pd) che prevede l’aumento delle accise sui prodotti energetici usati come carburanti ovvero come combustibili per riscaldamento per usi civili. Il Presidente di Assopetroli Assoenergia Franco Ferrari Aggradi, in una nota  rileva che  “Le esigenze sono le più disparate, ieri era la clausola di salvaguardia del DL IMU, oggi tocca all’Expo’, domani forse tocchera’ al bonus Irpef, ma il metodo di copertura continua ad essere quello di pescare dalle accise sui carburanti. Un metodo iniquo e profondamente sbagliato alla luce delle ricadute che produce. Nel caso specifico  dell’emendamento del PD approvato o si colpisce la mobilità dei cittadini o il loro diritto a riscaldarsi. Ci auguriamo che la Commissione Bilancio al Senato rigetti questa ennesima proposta di copertura mediante l’aumento delle accise che, alla luce del crollo dei consumi e conseguentemente del gettito erariale, non solo non produrrà gli effetti attesi – conclude il Presidente di Assopetroli Assoenergia – ma continua a ritardare quel cambiamento di rotta fortemente auspicato e indispensabile per la ripresa che deve necessariamente passare per il taglio della spesa improduttiva”.

08/05/2014

ARTICOLI CORRELATI