UE: RISERVE GAS, OK DA PARLAMENTO A MANDATO NEGOZIALE

Via libera della plenaria del Parlamento Ue – con 516 voti favorevoli, 25 contrari e 15 astenuti – al mandato negoziale alla proposta di regolamento per aumentare le riserve di gas e procedere con gli acquisti congiunti di gas. La proposta, in sintesi, punta a stabilire un livello minimo obbligatorio dell’80% di gas negli impianti di stoccaggio entro il 1° novembre 2022 e del 90% per gli anni successivi. Tutti gli operatori di stoccaggio dovranno inoltre sottoporsi ad una nuova certificazione obbligatoria, per evitare rischi derivanti da interferenze esterne. Gli operatori che non ottengono questa certificazione dovranno rinunciare alla proprietà o al controllo degli impianti di stoccaggio del gas dell’Ue. Inoltre, gli operatori non potranno chiudere un impianto di stoccaggio del gas senza l’autorizzazione del regolatore nazionale. Per accelerare il reintegro delle riserve di gas, la nuova legge incentiverà anche le società energetiche con uno sconto sulle tariffe di trasporto da o verso gli impianti di stoccaggio.

Il mandato negoziale, senza modifiche alla proposta della Commissione, è stato approvato direttamente dall’aula senza passare per la commissione Industria ed energia (Itre). Tuttavia – come riportato nelle scorse settimane – nei prossimi giorni gli eurodeputati dovrebbero produrre un documento informale che sintetizzi la posizione del Parlamento Ue su questo dossier, in vista dei negoziati con il Consiglio Ue. “Questa proposta legislativa chiave non riguarda solo le nuove e tanto necessarie disposizioni legali, ma soprattutto la sicurezza dell’approvvigionamento di gas per il prossimo inverno – Afferma in una nota l’eurodeputato Jerzy Buzek (Ppe), che guida il team negoziale del Parlamento europeo -. Questo è ciò che i nostri cittadini, famiglie, Pmi e industria, si aspettano oggi dall’Unione europea. Dobbiamo essere all’altezza di queste aspettative e siamo pronti per avviare immediatamente i negoziati. Credo che il Consiglio condivida questo approccio”.

08/04/2022

ARTICOLI CORRELATI